Prestito Ipotecario Vitalizio

Hai bisogno di un consiglio da parte dei nostri professionisti, per risolvere un tuo problema... Dacci l'opportunità di darti una consulenza gratuita. 

 

Le persone che hanno una certa età a volte possono incontrare delle difficoltà ad ottenere da banche e finanziarie un tradizionale prestito personale; con il prestito ipotecario vitalizio invece chi presenta i giusti requisiti ha la possibilità di ottenere importi anche abbastanza elevati grazie ad un’ipoteca di primo grado sulla propria abitazione o su un altro immobile residenziale di sua proprietà.
Una delle particolarità del prestito vitalizio ipotecario consiste nel fatto che il beneficiario non è tenuto a pagare le rate di rimborso del debito, che si estingue alla morte del sottoscrittore con la vendita dell’immobile oppure con il saldo da parte degli eredi, che in questo modo non devono rinunciare alla proprietà dell’immobile stesso.

Il prestito vitalizio ipotecario è un finanziamento non finalizzato, quindi le somme ottenute possono essere utilizzate come meglio si crede. Per poter accedere al prestito bisogna presentare dei precisi requisiti (almeno 60 anni di età, proprietà di un immobile residenziale non gravato da ipoteche, ma più avanti approfondiremo un po’ il discorso), quindi si parla di un prodotto riservato ad un’utenza non particolarmente ampia; è una soluzione che può essere particolarmente apprezzata da chi ha un patrimonio immobiliare importante e vuole metterlo a frutto oppure da chi ha bisogno di una somma di denaro abbastanza elevata per far fronte alle proprie esigenze, ma anche per dare una mano a figli e nipoti.

La documentazione precontrattuale che viene fornita dal finanziatore al richiedente è la stessa che viene utilizzata per i mutui ipotecari (quindi deve seguire le disposizioni di Banca d’Italia pubblicate sulla Gazzetta Ufficiale 217/2009 e successive modifiche) e almeno 15 giorni dalla possibile stipula del contratto l’istituto erogante deve consegnare al richiedente un prospetto informativo che illustra in modo chiaro l’importo finanziato, con indicazione della percentuale del valore di perizia dell’immobile in garanzia e l’indicazione della somma erogata al netto di costi e imposte. Il soggetto finanziato è libero di poter acquistare la polizza assicurativa sull' immobile (che è obbligatoria) anche da un soggetto diverso dall’istituto erogante. Il finanziatore ogni anno deve inviare al soggetto finanziato un resoconto che illustra in modo dettagliato gli importi che costituiscono il capitale finanziato e quelli che costituiscono il capitale da restituire alla scadenza.

È molto importante sottolineare che il regolamento specifica che se al momento della stipula del contratto il soggetto finanziato risulta essere coniugato o convivente da almeno cinque anni (la cosa deve essere documentata da un certificato di residenza storico), il contratto deve essere firmato da entrambi (se entrambi presentano il requisito anagrafico previsto, ovvero almeno 60 anni di età), anche nel caso in cui l’immobile sia di proprietà di uno solo: in questo modo il rimborso avverrà dopo la morte del firmatario più longevo.
L’Articolo 3 della normativa sul prodotto riepiloga i casi in cui si può verificare una significativa riduzione del valore dell’immobile. Il finanziatore può richiedere il rimborso integrale del prestito in un’unica soluzione quando muore il soggetto finanziato, quando vengono trasferiti (anche solo in parte) la proprietà o altri diritti reali o di godimento sull’immobile, quando il soggetto finanziato compie con dolo o colpa grave degli atti che possono ridurre in modo significativo il valore dell’immobile, quando si costituiscono dei diritti reali di garanzia in favore di terzi che gravano sull’immobile, quando vengono apportate delle modifiche rispetto allo stato dell’immobile documentato in sede di perizia senza accordo con il finanziatore, quando c’è la revoca dell’abitabilità a causa di adeguata manutenzione o incuria, quando altri soggetti (familiari del soggetto finanziato escluso) prendono la residenza nell’immobile, quando l’immobile subisce procedimenti esecutivi o conservativi di importo pari o superiore al 20% del suo valore. Le spese necessarie per dimostrare l’avvenimento di una di queste condizioni sono a carico del solo finanziatore.

 

La nostra azienda insieme ai nostri Partner lavoriamo per Team e per competenza i pagamenti che richiediamo sono "Salvo Buon Fine", (escluso costi vivi), ad ottenimento del risultato. 

Questa la nostra Filosofia!!!